1Il 24 giugno del 1986 ero arrabbiata, ma proprio tanto tanto arrabbiata! Sì perchè nella pancia della Marghe io ci stavo divinamente, ma, stupidi medici, hanno deciso di tirarmi fuori e ovviamente hanno fatto un gran bel danno. Non era più facile lasciarmi lì? O almeno mettere me e la mia terrorizzata madre nelle mani di un medico che avesse preso il diploma invece di giocare al taglia e cuci nel tempo libero! Vabbè, sto divagando, morale della favola probabilmente hanno sbagliato qualcosa e io mi stavo bevendo tutto il bevibile che c’era lì dentro (bleah che schifo). Ed è così che ho visto la luce e l’incubatrice. Il medico per hobby sosteneva che forse avrei potuto avere dei danni neurologici, e forse aveva ragione, ma non lo sapremo mai, perchè dopo pochi giorni la Marghe ha deciso di fuggire da quell’ospedale fatiscente e di portarmi a casa. Scelta azzardata? Probabilmente sì. Calcolate che oltre al possibile danno celebrare ho avuto la sfortuna di nascere bionda, e quindi stupida per diritto divino, il risultato è quindi il seguente.

Ho un numero ogni giorno maggiore di personalità, tutte diverse l’una dall’altra ovviamente, e non2 fanno altro che discutereediscutereediscutere tra di loro perchè ognuna deve sempre dire la sua. L’unica cosa che hanno in comune è la tendenza al piangersi addosso, perchè mi ero dimenticata di dirvi che oltretutto sono cancro, e quindi ho per natura una vena piagnucolona e tragica. Ho il terrore dei clown e i nani da giardino mi mettono terribilmente a disagio, lasciatemi mezz’ora da sola con uno di loro e mi troverete in un angolo della stanza in posizione fetale come in uno dei mille episodi di Saw. Da che ho memoria, e quindi forse da ieri, dormo con la mia fidatissima tartaruga di peluche, chiamata Pilla non ricordo perchè. Ah ecco, ho un piccolo problema con la memoria a breve termine…non ce l’ho, quindi vado giornalmente incontro a situazioni imbarazzanti come trovarmi in un negozio di fotocopiatrici coreane senza sapere il perchè.

Ma andiamo avanti con la noiosissima storia della mia stramba esistenza. La prima infanzia sembrerebbe normale non fosse per il fatto che mio fratello a 2 anni diceva frasi poetiche degne di Leopardi mentre io mi limitavo a dei molto più essenziali “cacca” “pipì”. Superato lo scoglio della lingua ho deciso di sorvolare su tutto il periodo elementari-medie-superiori, perchè per la maggior parte del suddetto periodo vorrei tanto dimenticare com’ero chi ero e cosa facevo. Per scappare da Venezia (sì quella con le gondole e l’acqua alta) sono andata a studiare Interior Design a Milano, mi sono divertita un sacco e ho preso questa bellissima laurea che vale quanto la cartacamomilla. L’ultimo anno di università ho conosciuto Il Trattore, chiamato così per il suo lieve russare notturno, e presa dall’ammmmmore e della follia più totale mi sono trasferita a vivere con lui a Spilamberto Vignola. Non sapete dov’è Vignola? Bè, aprite google maps e trovatevela!

Mi piace da morire cucinare, anche se non si direbbe sentendo quello che dico alla crema pasticcera mentre la preparo, scrivere, e soprattutto dire idiozie, ma tantetantetanteidiozie. Ci tengo a precisare che sono le idiozie che mi vengono decisamente bene, le altre due cose mi piacciono e basta, ma a voi non piaceranno, fidatevi.

Passiamo infine all’ultimo fatto di cui dobbiamo discutere: come mi dovete chiamare? Bè allora vi faccio un breve elenco di tutti i miei soprannomi: fra, franci, frenci, cesca, minchiona, quellastupidabionda, donna, donnina, pirlottera, pagliaccetta, marygiorgy, ninni, faccia d’angelo, ciccia, tuffetta. Bene, ora che li sapete potete dimenticarli, oppure no, vedete voi, io qui mi firmo Prinzi, che vi piaccia o no.

24 commenti
  1. Ho visto le ricette…
    Ma dove sono i pensieri e le idiozie ?

    • franciwp ha detto:

      i pensieri e le idiozie sono le poche frasi prima di ogni ricetta, o qualche post ogni tanto senza ricetta, spero che almeno le ricette ti piacciano! 🙂

  2. margherita savio ha detto:

    Francamente a me sei piaciuta come sei fin dai tempi del Poli!!! Ciao donna bionda (tutt’altro che stupida!!!) Un abbraccio.
    P.S. Non sapevo che anche la tua mamma si chiamasse Margherita.

    • franciwp ha detto:

      Ma grazieeeeeee!!!! Tantissimi baci fai una super coccola a gino da parte mia

  3. Mora ha detto:

    Leggo solo ora che vivi a spilamberto! O forse l’avevo letto ma l’ho rimosso…
    Io abito vicino Sassuolo!
    Allora forse c’eri anche tu ieri a Modena da Cracco! 😊

    • franciwp ha detto:

      No purtroppo non sapevo che sarebbe stato a Modena altrimenti non me lo sarei perso!!! Mannaggia!!!

      • Mora ha detto:

        Acci! Se lo sapevo ti avvertivo!
        Mi sono fatta autografato il libro 😍😍

      • franciwp ha detto:

        Che invidiaaaaaaa

  4. Astrid ha detto:

    Ciao Franci piacere di conoscerti! Meno male che non sono bionda sennò mi sentirei profondamente offesa ahahah! Bene vedo con moolto piacere che anche te sei stata vittima di dottori incapaci che ci hanno fatto nascere e madri che sono scappate via dall’ospedale neanche fossimo nel film via col vento! Io già ti adoro. Com’è vivere con la propria metà a Spilamberto in provincia di Modena? (che furbetta immagino tutti quelli che come me sono andati a digitare Spilamberto per scoprire dove ti trovi!!) Bene, sono contenta del nostro incontro, ma io non so quanto riuscirò a farti tornare normale, te l’ho detto anche io ho avuto problemi traumatologici di nascita. E per di più sono mancina e prematura di due mesi! ahah ce la giochiamo dura questa battaglia cara Prinzi! Che prepari questa sera di buono? =)

    • Ahahhah sì direi che ce la giochiamo decisamente dura! Stasera purtroppo vellutata di verdure già pronta, il tempo è poco e le cose da fare sono troppissime (come ritirare fuori i maglioni appena messi via a causa dell’iverno appena tornato) 🙂

      • Astrid ha detto:

        Già non so te ma qui a Roma oggi ha grandinato! Della serie” Benvenuta Primavera”! Io vado a continuare a studiare storia…

  5. Tornare una persona normale? Perchè ambire ad essere un Umpa Lumpa? Molto meglio quella sana “anormalità” che fa venire voglia alla gente di lasciare traccia del proprio passaggio e di seguirti,

  6. Paola C. ha detto:

    Io lo so dov’e’ Vignola, e anche senza google Map! 🙂 bellismo il tuo blog e divertente la parte sul diario dei un’operatrice call centre. Anch’io faccio un lavoro a contatto con il pubblico e ti capisco… 😉

Aiutami a tornare una pesona normale: commentami!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: