Di linguine con zucca e pancetta e ciclisti coraggiosi

Se c’è una cosa capace di farmi salire il sangue alla testa sono i ciclisti che pedalano tranquilli e beati per strada, nelle loro tutine attillate, con a fianco la pista ciclabile completamente deserta. Visto che le piste ciclabili le paghiamo tutti noi con le nostre tasse sono anni ormai che mi diletto nella nobile arte del “fai notare al ciclista che deve usare la ciclabile” e lo faccio con passione e dedizione. Di solito mi accosto al Pantani di turno che non riesce a stare sul lato destro della carreggita ma che nella maggior parte dei casi sta immaginando di vincere la maglia rosa, e gli indico con estrema gentilezza che deve utilizzare la striscia di asfalto che è stata costruita apposistamente per lui e tutti i suo colleghi. Le reazioni sono tra le più svariate, c’è chi sorride e si sposta, chi mi fa il dito medio e viene ripagato con la stessa moneta e così via, ma mai mi era capitato quanto sto per raccontarvi. Ero in macchina col Trattore quando eccolo lì, uno sportivo in mountain bike intento a dare il meglio di sè di fianco alla pista ciclabile. Come al solito ho abbassato il finestrino e gli ho indicato la zona in cui avrebbe potuto continuare a pedalare, lui mi ha mandato a quel paese e io ho fatto altrettando e niente, siamo andati a fare la spesa mentre esponevo in modo tranquillo e rilassato al Trattore le mie idee sui possessori di questi veicoli a due ruote. Parcheggiamo, scendiamo dalla macchina, e vedo il nostro amato ciclista che scende anche lui nel parcheggio coperto e guardandomi con aria truce se ne esce con: “problemi con quelli che vanno in bici?”. “Ah se hanno la ciclabile a fianco e non la usano assolutamente sì” ribatto io felice di poter finalmente avere un confronto diretto con uno di questi esseri amanti delle tutine attillate dai dubbi colori. Purtroppo avevo fatto male i miei calcoli e lui si è limitato a dire “Non rompere i coglioni stronza” e poi è sgommato via. Il Trattore ha iniziato a corrergli dietro in un moto di cavalleria inaspettato e minacciando rissa mentre io urlavo disperata perchè non si fa così. Non si illude una persona di voler discutere la questione per poi scappare a gambe levate dopo un mezzo insulto. Voglio dire: ci hai seguito fino al supermercato per darmi della stronza? Hai fatto tutta quella strada solo per dimostrare le tue limitatissime proprietà linguistiche e la tua educazione? Se il nostro eroe avesse dimostrato più coraggio nell’esporre la sua teoria sul perchè la pista ciclabile sia evidentemente inutile ai suoi occhi avrei quantomeno rivalutato un pochino la sua categoria, ma niente, i ciclisti sono la mia nemesi.

Dopo questa storiella passiamo al vero motivo per cui siamo qui: oggi è Halloween e non potevo non presentarvi una ricetta con la zucca. Queste linguine dal sapore decisamente autunnale sono un primo piatto davvero goloso che vi farà fare un figurone con parenti e amici. La ricetta è semplice ma non velocissima, se volete potete preparare il sugo alla zucca il giorno prima e scaldarlo al momento dell’utilizzo.

linguine-con-zucca-e-pancetta

INGREDIENTI PER 6 PERSONE:

500 gr di linguine

200 gr di zucca tagliata a dadini

2 zucchine

1 cipolla

1 gambo di sedano

2 carote

3 cucchiai di passata di pomodoro

2 patate medie

brodo vegetale

100 gr di pancetta affumicata a dadini

rosmarino

vino bianco secco

olio

sale

pepe

PREPARAZIONE

Pulite le verdure, tagliatele a cubetti, tenete da parte metà della zucca e metà cipolla e mettete il resto in una pentola dai bordi alti con un filo d’olio. Coprite le verdure con brodo vegetale caldo e fate cuocere per circa un’oretta. Verso il termine di questo lasso di tempo aggiungete la passata di pomodoro.

Prelevate le verdure e frullatele col frullatore ad immersione in modo da ottenere una crema (se dovesse risultare troppo densa aggiungete un pochino di brodo).

In una pentola con pochissimo olio fate soffriggere la cipolla tritata finemente che avete tenuto da parte, aggiungetevi la pancetta e fatela rosolare bene, quindi sfumate con mezzo bicchiare di vino bianco secco. Unite la zucca rimasta, abbassate il fuoco e fate cucinare per una ventina di minuti. A metà cottura aggiungete la crema di verdure, salate, pepate e profumate con un po’ di rosmarino tritato.

Cucinate la pasta in abbondente acqua bollente salata, scolatela  e versatela nella padella col sugo. Mescolate bene e servite ben caldo.

Buon Halloween!

linguine-con-zucca-e-pancetta-2

linguine-con-zucca-e-pancetta-3

 

7 commenti
  1. I peggiori sono quelli che oltre a starsene in mezzo alla strada lo fanno anche all’ora di punta respirandosi il meglio dello smog… che cavolo lo fai a fare se poi è tutto vanificato dalla merda che ti respiri??? Boh…. gli piacerenno indossare quelle bellissime e coloratissime tutine aderenti…..
    Nel tuo stato… si poteva beccare anche una bella denuncia…. 🙂

  2. makeneso ha detto:

    Questo tizio molto poco garbato non lo so, ma io personalmente è più facile che mi ammazzo ribaltandomi nelle piste ciclabili piuttosto che mi stirino in strada.
    Se hai la bicicletta da corsa le nostre piste ciclabili sono assolutamente impraticabili

    • franciwp ha detto:

      Questo mi dispiace e non è giusto, dal momento che le piste ciclabili esistono devono essere praticabili

Aiutami a tornare una pesona normale: commentami!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: