La polenta di amaranto di Cracco

Onestamente quando ho trovato questa ricetta sul libro di Carlo Cracco sono stata colta da un dubbio amletico…”dove lo vado a pescare l’amaranto?”  Per fortuna la mia ricerca è stata inaspettatamente breve ed ho trovato questo pregiato cereale in un supermercato biologico. Se vicino a casa vostra non c’è un negozio del genere provate a chiedere in erboristeria, probabilmente lo troverete senza problemi.

Questa polenta è molto semplice da preparare, l’unico incoveniente è causato dai tempi di cottura, ci vogliono all’incirca 2 ore e mezza.

Ma parliamo del sapore. Devo ammettere che a me non è piaciuta molto, non so se non ho gradito il spaore o lo consistenza ma non sono rimasta colpita da questo piatto. A onor del vero il Trattore l’ha apprezzato parechhio quindi non vi resta che provare questa ricetta e farmi sapere cosa ne pensate.

Polenta amaranto CraccoINGREDIENTI PER 4 PERSONE:

200 gr di amaranto

1 litro d’acqua

200 gr di nocciole tonde gentili delle Langhe (già tostate)

100 gr d’olio d’oliva leggero

capperi

20 gr di zucchero

sale

 

Fate bollire l’acqua con un pizzico di sale, versate l’amaranto, mescolate bene e fate cuocere piano per 2 ore e mezza. Quando la polenta è pronta l’acqua risulta quasi gelatinata ed il cereale si è leggermente gonfiato.

Polenta amaranto Cracco 2Per arricchire questa polenta prendete le nocciole intere, sgusciatele e frullatele con un filo d’olio fino ad ottenere la consistenza di una pasta, quindi conditela con un grammo di sale. Passate la salsa al colino e servitela con la polenta.

Se invece volete dare un gusto più deciso prendete 4-5 capperi sotto sale, lavateli e fateli essicare passandoli in forno a 70-80 gradi per 3-4 ore. Uniteli poi alla polenta.

Io ho provato solo la versione con la crema di nocciole, ammetto che l’idea di tenere il forno acceso per 4 ore per essicare 5 capperi mi irritava molto quindi se vi va di provare questa versione fatemi sapere se ne vale davvero la pena.

Non so se sul libro ci sia qualche errore o se Cracco abbia sniffato troppe lasagne ma come potete notare negli ingredienti c’è anche lo zucchero. Nella ricetta però non viene indicato come e quando utilizzarlo, magari per farsi una tisana mentre si aspetta che la polenta si cucini.

Buona serata a tutti!

Polenta amaranto Cracco 3

Aiutami a tornare una pesona normale: commentami!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: